Citazioni del giorno:

Giveaway del Portale Segreto

giovedì 24 luglio 2014

Recensione "L'arte ingannevole del gufo" di Ella West

Finalmente riesco a parlarvi di questa breve lettura che seppure aveva moltissime chiavi per risultare piacevole, interessante, profonda e originale ha finito con il deludermi.

Titolo: L'arte ingannevole del gufo
Autore:
Ella West
Editore: Giunti
Pagine: 160
Prezzo: 12,00 €
Data di uscita: giugno 2014
voto:
Trama: Tutte le sere, dopo il tramonto, Viola si addentra nel bosco dietro casa. La grave malattia di cui soffre le impedisce di esporsi anche al minimo raggio di sole. Così, quando i suoi compagni sono impegnati con la scuola, lei dorme o sta in casa a suonare, e quando loro vanno a dormire, lei passeggia libera tra gli alberi del suo bosco, in compagnia del buio e di tutti gli animali che lo popolano. Una sera, però, sul sentiero sterrato da cui non passa anima viva, scorge un'auto: un ragazzo tira fuori un corpo pesante dal bagagliaio e lo trascina sul sedile di guida, prima di dare fuoco alla macchina. Poi seppellisce qualcosa nel terreno vicino. Sei alberi dal ciglio della strada: per Viola è facilissimo ritrovare il punto in cui quel tizio ha scavato la buca... e dare inizio alla sua personale, pericolosa indagine. Che cosa ci fanno tanti soldi sepolti nel bosco? E quel ragazzo è forse un assassino? Tornerà a cercarla? Una voce incantevole e ingenua rapisce il lettore in una storia che lascia col fiato sospeso.

 RECENSIONE: Normalmente la nostra vita sin dai tempi degli avi dei nostri avi, è stata scandita dal movimento del sole e le nostre azioni cominciavano con il suo apparire per terminare dopo il tramonto. La notte è il momento del riposo o della follia. Associamo spesso la notte ai fantasmi, al mistero, al silenzio. È proprio durante la notte che possiamo dare il meglio o il peggio di noi stessi, proprio grazie a quel momento che è oltre la nostra giornata. C’è chi si dedica al riposo, chi esce per divertirsi, chi ne ha paura e poi c’è Viola che vive solo di notte. La sua non è una scelta romantica, né una ribellione ma una necessità perché Viola soffre di una rara malattia genetica chiamata XP (xeroderma pigmentoso) che le impedisce di entrare a contatto con i raggi UV (lampadine al neon comprese). Per questo Viola si alza dopo il tramando del sole e va a letto prima che sorga nuovamente. Costretta a vivere chiusa in casa al buio totale durante il giorno e studiare online tramite il pc con cui ha le sue uniche relazioni di amicizia a distanza con altri malati come lei.
Ogni sera, oltre ad allenarsi a suonare la viola con sua madre (proprio a questo strumento deve il suo nome), Viola esce a passeggiare nei boschi intorno alla sua casa grazie a degli speciali occhiali che permettono di vedere al buio come se fosse di giorno.
La sua vita ha una sua semplice routine che viene improvvisamente stravolta quando una notte vede un uomo dare fuoco a una macchina con una persona al suo interno. Dopodiché lo segue mentre lui seppellisce una voluminosa busta. Da questo momento Viola comincerà a nascondere un pericoloso segreto che metterà a rischio la sua vita e quella dei suoi genitori.
La storia di Viola è molto breve e si snoda in poche pagine in cui possiamo approfondire la conoscenza dell’allevamento delle pecore in Nuova Zelanda (parte che viene spiegata dettagliatamente in diversi punti). La particolare condizione della protagonista (di cui si nota una attenta documentazione da parte dell’autrice) insieme alla vicenda pericolosa da thriller potevano essere degli elementi vincenti per un romanzo scritto in maniera immediata e semplice eppure nonostante le buone premesse questo libro non mi ha entusiasmata. Per dirla in poche parole non mi ha lasciato niente di niente. L’ho trovato vuoto sia di contenuti che di riflessioni. Mi aspettavo di emozionarmi, stare sulle spine, pormi domande, riflettere sulla nostra vita e invece niente di tutto questo è successo. Le pagine sono volate via con poco interesse e mi ha lasciato un senso di amarezza per una delusione totale.
Viola mi sembra una ragazza spocchiosa e antipatica che vive senza emozioni, anzi in realtà non sembrava nemmeno umana quasi un robot emozionale e a cui mancano valori etici. I genitori non sono riusciti a mostrare una loro personalità e quindi tutta la vicenda sembra vissuta da semplici nomi di carta e inchiostro. Inoltre mi sono spesso chiesta il perché di alcune reazioni (o non reazioni) in certe situazioni e sono rimasta allibita. Per concludere il finale mi ha delusa molto e mi ha lasciata insoddisfatta. Non mi ha dato la sensazione di realismo.
In generale poteva funzionare meglio, l’autrice poteva lavorarci di più (in merito alla trama e ai personaggi e non solo alla parte scientifica della malattia e al lavoro nella fattoria) quindi è davvero un peccato che il risultato non sia dei migliori a mio parare.
Avrei voluto approfondire meglio le mie impressioni ma volevo cercare di mantenere il più possibile celati gli sviluppi della trama per lasciare a voi il piacere (o meno) di scoprirli.

COSIGLI DI LETTURA DEL PORTALE:
PER CHI: ha voglia di una storia misteriosa ma leggera
COLORE: blu notte
CLIMA E AMBIENTE: di notte nel bosco

Voi lo avete letto? Che ne pensate?

mercoledì 23 luglio 2014

WWW Wednesday (22)

Potete partecipare anche voi rispondendo alle seguenti tre domande con un commento al post.
  • What are you currently reading? - Cosa stai leggendo?
  • What did you recently finish reading? - Quale libro hai finito di recente?
  • What do you think you’ll read next? - Quale libro pensi sarà la tua prossima lettura?

 Cosa stai leggendo?
"Il diario di Cathy" di Sean Stewart, Jordan Weisman
Questo libro non avrei mai pensato di leggerlo e invece sembra davvero interessante, grazie a Rowan per avermelo regalato!


 Quale libro hai finito di recente?
"L'arte ingannevole del gufo" di Ella West
Questo libro non mi ha lasciato niente, non è brutto ma nemmeno bello. Domani posterò la recensione.


 Quale libro pensi sarà la tua prossima lettura?
"L'uomo che piantava gli alberi" di Jean Giono
Me ne ha parlato molto Mirial e sono davvero curiosa :)


Invece le vostre letture quali sono, Viandanti?

martedì 22 luglio 2014

Segnalazione "Il cuore di Koral" di Alessia Valentina Coppola

Sono felicissima di tornare finalmente a scrivere sul blog proprio per parlarvi di una storia che spero di leggere presto della dolcissima Alessia, blogger, scrittrice, cantante e illustratrice di talento. Non ho ancora mai letto niente di suo, ma è una persona davvero gentile e una strega amica.

Titolo: Il cuore di Koral
Autore: Alessia Valentina Coppola
Editore: Self-publishing
Pagine: 41
Prezzo: 0,89 € (ebook)

Trama: Koral è l’ultima discendente del Regno di Atlantide. È una sirena.
Ha ricevuto il compito di proteggere la Pietra di Pnèvma, anelata dai mortali per i suoi eccezionali poteri.
L’oggetto magico viene trafugato dagli abissi e Koral è costretta a punire il trasgressore e condurlo con sé nelle profondità del mare.
Il colpevole è Xilos, non un mortale qualunque, bensì un Khyndi. Uno stregone mutaforma.
Il giovane stregone combatterà contro il tempo, e le tempeste aizzate dalla sirena, per ottenere da Pnévma il potere di cui ha bisogno. E quando tutto sembra perduto, Xilos scopre il segreto che lega indissolubilmente la gemma, a Koral. Un segreto, risposto in un cuore. 

Vi invito ad andare sul suo blog dove potrete trovare altre notizie interessanti!
 

lunedì 21 luglio 2014

In arrivo...

Sono in preparazione alcuni post speciali e qualche video. Ebbene si, finalmente mi sono decisa a riprendere a pubblicarne qualcuno. Nel frattempo devo riordinare le idee e valutare come riprendere il ritmo e raccontarvi gli ultimi giorni e i prossimi progetti. Tante cose sono in lavorazione!
Mi mancate moltissimo, non vedo l'ora di tornare e se tutto va bene tenetevi pronti perché questa settiman dovrei riprendere a pubblicare! Grazie di cuore a tutti per la pazienza, la comprensione e l'entusiasmo!
Un magico e sognante saluto a tutti voi, dalla vostra strega elfo :D


lunedì 7 luglio 2014

Amiche&Incantesimi - Le streghe e la letteratura


Amiche&Incantesimi è una rubrica mensile creata da me e Rowan di Ombre Angeliche, e verrà postata ogni 7 del mese.
Ad ogni puntata sceglieremo un tema stregato, e insieme vi racconteremo curiosità, simpatici aneddoti, scatteremo magiche foto e ci perderemo in deliranti chiacchiere.. che aspettate? Indossate il vostro cappello a punta e seguiteci, scoprirete che qualche volta basta un pizzico di magia per trasformare la quotidianità in un appuntamento fatato!

Il tema che abbiamo scelto per questo mese è:

LE STREGHE E LA LETTERATURA

Il Concilio delle Streghe del Regno della Magia ha stabilito un accordo con tutti gli scrittori del mondo "babbano" di non rivelare i segreti più segreti delle streghe se non strettamente necessario e di camuffare i veri racconti di magia spacciandoli per una creazione fantastica ideata dall'autore avendo cura di non far capire chi è la persona vera di cui raccontano. In passato, quando ancora il Concilio non era stato istituito (o ancora oggi con qualche nuovo scrittore inesperto o qualche strega coraggiosa), è capitato che invece trapelassero informazioni e nomi reali nei racconti, come ad esempio la storia di Medea, Circe o anche Morgana, una delle streghe più famose e di cui si è più parlato (il libro più famoso a riguardo è “Le nebbie di Avalon”).

Abbiamo deciso di prendere in esame alcuni esempi di storie di narrativa (perché qui non tratteremo la saggistica seria di studi di stregoneria ma solo i racconti fantastici) per sfatare falsi miti e fare un po’ di chiarezza.

FIABE:
Nella cultura popolare le streghe sono sempre viste come creature malvagie dotate di terribili poteri, spesso vecchie e brutte o con la pelle verde che volano a cavallo di una scopa e magari sono anche seguaci del diavolo e mangiano i bambini.

FALSO: Come potete constatare non tutte le streghe sono così. Nessuna strega è cattiva di natura, se si comporta male è una sua scelta e non dipende dal suo essere strega visto che solitamente le streghe portano rispetto ad ogni essere vivente. Inoltre non mangiamo i bambini ed evitiamo di volare sulle scope perché sarebbe troppo scomodo. Preferiamo usare le scope per pulire e purificare.
VERO: Per sicurezza meglio non far arrabbiare una strega! E ricordate di non ingannarla mai perché sappiate che in un modo o nell’altro lo scoprirà. Come si dice? Uomo avvisato..

DOMANDA: Allora perché nelle fiabe si parla solo di streghe cattive?
RISPOSTA: Perché le streghe buone sono più astute delle cattive e non si fanno scoprire di solito, quindi quando capitano cose belle le persone tendono a dare della “fata” alla strega non sapendo che le fate sono molto più pericolose e pestifere delle streghe. Inoltre da sempre è facile accusare di situazioni negative le streghe, quindi le buone azioni finiscono per essere nascoste anche dagli altri.

ROALD DAHL
Dahl è un grandissimo scrittore di storie per ragazzi e Streghe è davvero un libro carinissimo che vi consigliamo! Secondo Dahl "le streghe sembrano donne qualunque, vivono in case qualunque, indossano abiti qualunque e fanno mestieri qualunque. Per questo è così difficile scoprirle" ed è vero! Non vedrete in giro streghe con il cappello a punta che sghignazzano come pazze, ma le streghe si nascondo tra gli uomini comuni vivendo come loro. Non è l’abbigliamento a fare magica una persona e le streghe preferiscono non spargere la voce sulle loro capacità. Infatti di solito scelgono attentamente le poche persone a cui rivelare la loro identità.
FALSO: Dahl dice che le streghe nascondono la loro calvizie sotto una parrucca che le costringe, a grattarsi in continuazione la testa, hanno le mani come artigli e per questo indossano sempre guanti, non hanno le dita dei piedi e, per nascondere ciò, calzano scarpe a punta ma soprattutto, hanno la lingua blu!

Come potete constatare nessuna di queste indicazioni è vera. Abbiamo i capelli, dita normali sia ai piedi che alle mani, non portiamo di solito i guanti se non quando fa freddo e non abbiamo la lingua blu. Inoltre i nostri raduni non si svolgono mai in un albergo. Però Dahl è stato molto gentile a spargere questa voce così i nostri reali raduni non vengono scoperti.

STREGHETTA MIA
Un meraviglioso racconto di streghe che ha segnato l’infanzia di entrambe. Bianca Pitzorno scrive una serie di regole per riconoscere le streghe, ma vediamo di sfatare questa lista:

1) Secondo Bianca, le streghe hanno i capelli rossi. In realtà possono averli di tutti i colori *Rowan ride*

2) Non si riflettono nello specchio, ma tutti sanno che quelli sono i vampiri. Una strega si riflette anche perché come farebbe a truccarsi o vedere come le sta il vestito per il Gran Sabba?

3) Se viene gettata in acqua legata galleggia. Che cosa terribile! Ma chi le ha messo in testa l’idea di scriverlo? Se cadiamo in acqua legate affoghiamo come tutti. E non tutte le streghe sanno nuotare.

4) Gira accompagnate da famigli che eseguono i suoi ordini. È vero che quasi tutte le streghe hanno un compagno animale fidato al loro fianco, ma quasi mai eseguono i loro ordini anzi, di solito è la strega che cerca di accontentare il famiglio.

5) Si reca al sabba durante il plenilunio su una scopa. Come ho detto prima la scopa è scomoda, il sabba non avviene con la luna, ma comunque durante le lune piene festeggiamo l’esbat insieme o da sole.

6) Fa parte di una serie di sette sorelle. È vero che solitamente le famiglie composte da sole donne sono magiche, ma non è vero che sia una questione necessaria. Si può essere streghe con fratelli o da figlia unica.

LA PICCOLA STREGA
Ecco un altro racconto per ragazzi davvero molto particolare e carino!
Qui le streghe vivono moltissimi anni e devono studiare a lungo per essere ammesse al Gran Sabba. La vita delle streghe non è molto più lunga di quella di qualunque altra persona di solito e le streghe tra loro sono molto più solidali, soprattutto con le nuove giovani streghe (diffidate da chi si professa un grande sacerdote disposto a insegnarvi o vi chiede soldi, le vere streghe sono umili, pronte sempre a imparare e gentili con gli altri a cui non impongono niente). Però è vero che una strega per diventare tale deve studiare molto e comportarsi da brava strega (una buona strega è una strega buona).

A proposito di Dahl..
Come potete vedere voi stessi non siamo calve, e non abbiamo la lingua blu:
 

Non abbiamo artigli e abbiamo anche noi piedi come i vostri:


martedì 1 luglio 2014

Almanacco Magico - febbraio 2014

L'almanacco magico non è altro che un piccolo promemoria del mese che è appena cominciato per poter controllare le fasi lunari, le feste dell'anno, ripassare le informazioni sul mese che stiamo vivendo e infine scoprire qualche curiosità interessante o ricorrenza storica. 


2014

Luglio deve il suo nome a Giulio Cesare, un tempo quinto mese dell'anno. Finalmente il caldo è arrivato, le campagne si ricoprono di frutta e verdura. Si tratta di un mese arido e secco con poce piogge, ma al tempo stesso la Terra è al culmine della sua abbondanza, donandoci il suo aspetto più materno e accogliente, per cui sentiamo il suo richiamo e un bisogno di riavvicinarci ad essa con rispetto e spiritualità.

Luna di Luglio
Luna del fieno, Luna del cervo

Luna Piena - 12 luglio 2014 ore 13:26
Luna Nuova - 27 luglio 2014 ore 00:42

Luglio è il settimo mese, si trova sotto il dominio della Luna (fino al 22) periodo in cui sono propizie le emozioni, la femminilità e la fecondita e del Sole (dal 23) in cui sono propizi l'abnegazione, la volontà, il coraggio, la giustizia. Sotto la Luna è possibile lavorare sull'intuizione, la medianità, i bambini, il matrimonio, la meditazione, la spiritualità, la cura delle malattie connesse all'acqua. Sotto il Sole si può invece praticare per ottenere salute, successo, aumento del potere personale, gravidanza, creatività, realizzazione di ideali e protezione. È il momento di fare un passo per avvicinarci alla nostra Madre Terra e poterci attivare per il suo benessere. Durante Lughnasadh o Lammas è il momento per rilassarsi e godersi ciò che ci siamo meritati per i nostri sforzi.


Festività:
3 luglio - Festa del Calderone, dedicata a Cerridwen, dea celtica della fertilità.
16 luglio - Ad Haiti feste di Erzulie, patrona dell'amore ma anche della vendetta.
17 luglio - Festa di Amaterasu dea solare shintoista (Giappone). A Roma si venerava Portuno dio dei porti e protettore della porta di casa.
19 luglio -  Festa del Cielo dedicata al sorgere di Sirio, incarnazione di Iside (Egitto). A Roma si celebravano le Lucarie dedicate a divinità dei boschi.
22 luglio -  Festa della Grande Madre.
23 luglio - Netturnali in onore di Nettuno.
26 luglio - Festa di Sleipnir cavallo di Odino.
29 luglio - Festa di Thor.
30 luglio - la notte è dedicata a Khepra, il sacro scarabeo simbolo del Sole Nero (Egitto).
31 luglio - Lughnasadh o Lammas, una delle quattro Feste del Fuoco annuali che durava fino al 2 agosto. In Egitto era il Giorno dei Misteri della Magia Stellare.

***

Segno Zodiacale
: il 23 luglio inizia il segno del Leone
Alberi e piante: Giglio delle sabbie, cannella, rosmarino, basilico, rose gialle
Cibi e bevande:nocino, liquori, vino rosso aromatizzato con succo di pesca
Numero: sette - Ciclo compiuto e rinnovamento
Calendario Celtico: Agrifoglio (08/07 – 04/08)


Proverbi:
«San Giacomo dei meloni, San Luca delle nespole, San Martin dei imbriagoni.»
«Nel luglio è ricca la terra ma povero il mare.»
«Chi vuole un buon rapaglio lo semini di luglio.»


Curiosità
* Il 5 luglio si faceva una curiosa cerimonia detta Polifugio in cui dopo aver fatto un sacrifico a Giove, tutti scappavano gridand i nomi degli amici. L'origine di tale usanza è incerta.
* Durante le None Caprotine in onore di Giunone, venivano fatti sacrifici all'ombra del sacro "fico di Romolo" dove si diceva che Rea Silvia avesse lasciato Romolo e Remo chiedendo di proteggerli. Si diceva infatti che Roma fosse legata alla salute dell'albero e che sotto di esse fosse sepolto Romolo per poteggere la città e farla prosperare.
* Nel medioevo era usanza raccogliere rose rosse in questo giorno per impedire l'ingresso al male se appese in un sacchetto di seta bianca fissato sopra la porta di casa.


lunedì 30 giugno 2014

Book of the Month - giugno 2014

Book of the Month è una rubrica ideata da Il portale segreto e Ombre Angeliche, nata per fare un bilancio mensile sulle nostre letture. Se volete saperne di più cliccate QUI ^^
Bentrovati cari Viandanti della mia Foresta Incantata! Questo mese la puntata sarà brevissima e lascerò solo un piccolo riepilogo.


LIBRI LETTI:
1) "Antologia della letteratura danese" di AA.VV.
2) "Saga di Oddr l'Arciere" anonimo
3) "Edda" di Snorri Sturluson
4) "Poesie 1803" di Adam Oehlenschlager (due volte)
5) "C'è nessuno" di Jostein Gaarder
6) "L'arte di essere felici" di Lucio Anneo Seneca
7) "L'uomo che piantava gli alberi" di Jean Giono

MANGA LETTI
1) Ransie la strega vol. 1 di Koi Ikeno
2) Sugar Sugar Rune vol. 1 di Moyoko Anno
3) Vampire Knight vol. 1 di Matsuri Hino
 
RECENSIONI PUBBLICATE - Clicca sulla cover per leggere la recensione
COSA BOLLE NEL CALDERONE
Come avete letto dai miei avvisi in questo periodo non riesco a stare molto dietro al blog, quindi questo mese il post sarà più breve del solito. Spero di riprendere il prima possibile!

* * *
Che ne pensate della nostra classifica? La migliore e la peggiore lettura del mese per voi qual è stata?

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...