Citazioni del giorno:

Giveaway del Portale Segreto

AVVISO: il blog al momento è in fase di rinnovo totale, quindi subirà dei rallentamenti!

venerdì 10 marzo 2017

Recensione "Ho lasciato entrare la tempesta" di Hannah Kent

Questo libro l'ho desiderato dal primo momento, lo ritrovavo ovunque e qualcosa mi richiamava inesorabilmente. È una storia che colpisce profondamente e che aveva qualacosa da dirmi, un sussurro per trovare la forza attraverso una storia vera e triste.

Titolo: Ho lasciato entrare la tempesta
Autore:
Hannah Kent
Editore: Piemme
Pagine: 350
Prezzo: 17,50 €
Data di uscita: settembre 2014

voto: 
Trama: Strega, seduttrice, colpevole, assassina: Agnes Magnúsdóttir è accusata di molte cose. Perché nell'Islanda dell'Ottocento - immersa nella nebbia come in mille superstizioni - lei, con la sua bellezza, il suo animo ribelle, la sua intelligenza troppo vivace, è diversa da tutte. Diversa anche per l'uomo che si è scelta: Natan Ketilsson, un uomo più vicino ai diavoli dell'inferno che agli angeli del paradiso, come mormorano nel villaggio, capace di risuscitare i morti con pozioni a base di erbe conosciute solo da lui. E ora che Natan è morto, ucciso da diciotto coltellate, il villaggio decide che la colpevole dell'efferato omicidio non può che essere lei, Agnes. La donna che lo amava. E mentre, ormai condannata, attende la morte per decapitazione, Agnes racconta la sua versione della storia alle uniche persone amiche che il destino le concede nei suoi ultimi giorni: la moglie del suo carceriere, e un giovane e inesperto confessore. E anche se la morte sarà la fine inevitabile, per Agnes la vita continua altrove: nei pensieri, nei sogni, nelle storie che ha letto, e nell'amore per Natan. Le cose che appartengono soltanto a lei, e che nessuno potrà toglierle.

 RECENSIONE: Fuori infuria la tempesta, raffiche di vento si abbattono sulle finestre causando rumori sinistri e poco rassicuranti, in questa notte di luna piena, mentre io sono rintanata in casa chiudendo fuori l’oscurità. Eppure una parte di gelo e ombra si è accomodato nel mio cuore, una sensazione di perdita e dolore per la storia di Agnes Magnusdottir. Il suo nome risuona nella mia testa come un monito, un richiamo, un saluto e un abbraccio. Percepisco il freddo del Vento nel Nord nei miei pensieri, la neve tra i piedi e le nuvole pesanti sul cielo.
Sono qui, a chiedermi come poter parlare di lei, come far capire il legame che si è creato in questo breve periodo e l’unica risposta che trovo è il silenzio. Solo il silenzio può contenere le parole che non trovo e le emozioni che ho provato. Non esiste un modo giusto per affrontare la morte e ancora meno per raccontarla. Ma possiamo parlare della vita, di quella vita che tanto diamo scontata e che siamo sempre pronti a giudicare senza prenderci il tempo necessario per capirla davvero, quasi come se fosse un gioco. E forse è questo il bello della vita, perché non possiamo capirla fino in fondo, non è possibile. Ognuno avrà nascosto nel suo cuore delle verità che non potrà spiegare o raccontare a nessuno.
E quali parole può dire una donna condannata a morte? Quali segreti può nascondere nelle sue notti agitate, quali segreti ci sono in un omicidio misterioso e ambiguo? Cosa possiamo dire noi a chi non ha più speranza e aspetta solo il momento di dire addio al mondo? Agnes Magnusdottir assassina. Agnes Magnusdottir strega. Agnes Magnusdottir colpevole di incendio doloso. Agnes colpevole. Ma chi è Agnes? I suoi chiari occhi azzurri che contrastano con i lunghi capelli scuri, tanto inusuali nella fredda Islanda, le sue mani rovinata dal duro lavoro, la sua voce profonda che tanto ha visto e tanto ha sofferto. Arriva indesiderata alla fattoria di Kornsà. Negli abiti luridi, spettinata, sporca e piena di lividi viene accolta dalla famiglia che in lei vede solo un’assassina che si trovano a dover tenere in custodia fino all’esecuzione. Margret e Jon sono preoccupate per le sue figlie, per l’ingenua e sbadata Steina e per l’intelligente e caparbia Lauga. Eppure non possono tirarsi indietro, così come il reverendo vicario Thorvardur Jonsson incaricato di accompagnare Agnes nel cammino della redenzione fino al momento della sua morte. Sono questi i giorni in cui la sua vicenda viene narrata, il periodo di custodia a Kornsà in cui il reverendo Toti tenta di avvicinarsi alla prigioniera per cercare di capirla e conoscere la sua storia. 
Agnes non si apre facilmente, ma attraverso una narrazione divisa tra un narratore esterno e i suoi propri pensieri, riusciamo a capire meglio questa donna ambigua e misteriosa che ha ucciso l’uomo per il quale lavorava, l’uomo di cui si era innamorata, Natan Ketilsson la cui reputazione è quasi leggenda. Natan era un guaritore, da alcuni adorato da altri odiato e accusato di stregoneria. Quel che è certo è che qualcosa di strano è accaduto e in una terribile notte nel 1828 qualcuno lo ha assassinato con 18 coltellate. Un omicidio terribile, violento, che sconvolge il paese e per il quale l’intendente reale Blondal desidera una pena esemplare nel proprio paese. Per lei e per i suoi complici. La verità viene narrata lentamente, durante gli amari giorni di permanenza nella fattoria e la sua presenza influenzerà molto la vita in quella famiglia. Eppure più ci avviciniamo alla verità del fatto e più che le cose sembrano sfuggirci dalle mani e ci troviamo sempre più trepidanti di conoscere ciò che è avvenuto e perché. Hannah Kent è riuscita a creare una storia potente e poetica, profonda e unica, la storia di una donna vissuta realmente e l’ultma condannata a morte in Islanda. Tutti conoscono il suo nome nel suo paese eppure non si hanno certezza sulla sua persona. 
L’autrice è riuscita a darle una voce vera, potente e capace di divenire portavoce di tutte le donne uccise, tutte le persone accusate, tutte le storie conosciute a metà. È una storia che ti entra nel cuore e ti cattura in un vortice da cui non riesci più a staccarti finché non arrivi ad essere con Agnes, accanto a lei a tenerle la mano nel momento più critico della sua vita, a sentirla come un’amica da cui hai appreso molto e a cui ti sei affezionata nonostante la sua distanza o addirittura a sentirti lei. Ho sentito la paura di Agnes, i suoi desideri, la sua follia, il suo dolore, il suo amore. Ho sentito ogni suo muscolo tendersi e le sue lacrime in me. È una storia semplice eppure bellissima anche se dolorosa. Ma è un dolore che non ti annienta, anzi, pervade il corpo attraverso la sua storia per diventare parte di noi e darci la forza di accettare l’inevitabile fine. Subito dopo ho sentito il desiderio di accendere una candela non solo per Agnes ma per tutte le anime che hanno subito la stessa sentenza. Sono felice di averlo letto, è un libro che merita davvero, anche grazie all’attenta documentazione dell’autrice. Ho apprezzato davvero moltissimo questo libro, lo stile è particolare, ma trovo che sia stata un’ottima scelta dovuta non solo a un puro gusto personale, ma anche per ribadire il concetto di ciò che gli altri possono sapere e di ciò che invece si nasconde dietro la superficie delle apparenze. Non dimenticherò questa storia. Non dimenticherò Agnes. 


"Io resto muta. Determinata a chiudermi al mondo, a serrare il mio cuore e a tenere stretto quel poco di me che non hanno ancora rubato. Non posso perdere tutta me stessa. Mi aggrapperò a chi sono e stringerò le mani intorno a tutto ciò che ho visto e udito, e provato. Seppellirò tutto quel che mi rimane per immergermi negli abissi. Se parlerò, saranno solo bolle d'aria. Non riusciranno a carpire le mie parole. Vedranno la sguardrina, la pazza, l'assassina, la femmina che gronda sangue sull'erba e ride con la bocca piena di terra. Diranno «Agnes», e vedranno il ragno, la strega rimasta impigliata nella sua stessa letale ragnatela. Potrebbero vedere l'agnello circondato dai corvi, che bela per invocare la madre perduta. Ma non vedranno me. Perché io non ci sarò."

COSIGLI DI LETTURA DEL PORTALE:
PER CHI: ha voglia di una storia vera e dolorosa nel freddo nord
COLORE: blu oceano
CLIMA E AMBIENTE: una notte di tempesta di neve

Voi lo avete letto? Che ne pensate?

4 commenti:

  1. Complimenti per la recensione! :)
    Sinceramente non credo che leggerò questo libro molto presto, perché non è molto nelle mie corde (soprattutto in questo periodo) ma se avessi ascoltato la voglia sarei corsa a procurarmelo subito dopo aver letto la tua recensione! ^_^

    RispondiElimina
  2. Bellissima recensione, mi ha emozionata! Spero di leggerlo presto anche io, mi ispira sempre di più e le tue parole sono state davvero perfette, molto "emozionali" ed emozionanti <3

    RispondiElimina
  3. Mi è piaciuto molto questo libro (e la tua recensione) è intenso e ben scritto e molto emozionante. Voglio leggere più libri così^^

    RispondiElimina
  4. Bel Post Reina, è tanto che non passavo a trovari in particolare sono qui per farti un Invito al Rifugio per il prossimo Link Party
    Infatti, al Rifugio, volevo farti sapere che da domenica 15 Marzo per un mese fino al 15 Aprile - ci sarà un Link Party degli Elfi dove tutte le blogger sono le benvenute - in particolar modo le vecchie amiche di Blog ;-)
    Ti aspetto dal 15 marzo ala15 aprile - più saremo al Link Party meglio sarà per tutte/i Buona settimana

    RispondiElimina

    RispondiElimina

I commenti portano la magia sul blog.

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...