25 ottobre 2011

# novità

Segnalazione "Mani calde" di Giovanna Zucca

Questo è un libro particolare e intenso, che sembra promettere forti emozioni. La storia di un bambino e di una lotta per la vita.

Titolo: Mani calde
Autore: Giovanna Zucca
Editore: Fazi
Pagine: 256
Prezzo: € 16,50
In libreria da: settembre 2011

TRAMA: Davide ha nove anni e proprio non ne vuole sapere di andare a comprare le cose per la scuola, la mamma insiste e quel banale tragitto tra l’abitazione e il negozio si rivelerà fatale.
In coma, tra il sonno e la veglia in cui è costretto, Davide sente e “vede” le persone, distraendosi con le storie degli altri: storie di ospedale, di chiacchiere in corsia, di infermiere e lotte fra medici, come quel “dottore antipatico” che tenterà l’impossibile per salvarlo. Un legame speciale fatto di empatia e sensazioni destinate a durare si creerà fra il medico e il ragazzino: eppure il primo è un uomo schivo, scorbutico, un dio nel proprio lavoro ma incapace di gestire ogni genere di rapporti umani; l’altro è pieno di vita ma immobile su un letto.
Una formidabile coppia di protagonisti per un romanzo d’esordio sorprendente.
Una storia intensa e commovente con la più positiva delle morali: “chi guarisce il prossimo guarisce se stesso”.

L'autrice: Giovanna Zucca piemontese di nascita ma veneta d’adozione, presta servizio come infermiera strumentista e aiuto-anestesia in sala operatoria. Fra un turno e l’altro, si è laureata in Filosofia, una disciplina che coltiva con grande interesse e passione.

Il giudizio dei librai:

"È un libro che non ti molla un attimo, capace di regalare emozioni inaspettate. La sua forza sta nel rapporto toccante ed emozionale che si crea tra il bambino e il primario: piu' andavo avanti e più mi sembrava di essere diventata quella mamma disperata fuori dalla porta con la scritta angosciante "VIETATO ENTRARE". Volevo togliermi dalla mente quel bambino e invece la sua voce mi ha accompagnato in tutti questi giorni, adesso mi dispiace averlo finito! Non credevo davvero di emozionarmi tanto leggendolo".
Piera Montroni, Librerie Coop, Bologna

"Una storia forte di un bambino e di una mamma che si affidano a un 
dottore per la loro salvezza. Mi è piacuto moltissimo”
Anna Maria Regazzoni, Libreria Cattaneo di Lecco

Una storia intensa, che dimostra come "la ferita dei non amati" crea nell'individuo lo stato di "dolore freddo". Il disgelo emotivo accade come per miracolo e il lettore è invaso dal 
calore della guarigione. Il libro ti prende perchè tocca i punti del dolore e alla fine guarisce"
Daniela Bonanzinga, Libreria Bonanzinga di Messina

Bellissima lettura. Un libro sensibile, a volte fragile come il filo sottilissimo e tenero che unisce il bambino al chirurgo, filo che diventa di ora in ora, nell’angoscia dell’attesa di segnali positivi, sempre più forte e tenace. Questa testimonianza scritta (anzi pensata) con la semplicità disarmante e commovente del piccolo Davide (si sorride tra le lacrime) ci fa capire quanto siano importanti nella vita “mani calde” che alimentano il linguaggio del cuore, come illustra la bellissima copertina. Intorno a Davide e il primario detto “cafone” personaggi umani, tutti azzeccati e variopinti, assistono e partecipano a questo miracolo dell’amore e fanno diventare questo piccolo capolavoro un romanzo a più voci.
Mariella e Roberto, Libreria “Pagina 272”, Roma

Che ne pensate?

1 commento:

  1. Questo libro è interessantissimo, lo segno subito :D

    RispondiElimina

Grazie per aver letto questo articolo. Sapere la tua opinione mi aiuta a migliorare.