Citazioni del giorno:

Giveaway del Portale Segreto

AVVISO: il blog al momento è in fase di rinnovo totale, quindi subirà dei rallentamenti!

giovedì 13 febbraio 2014

Recensione "La sala rossa" di August Strindberg


Nonostante la sua eccezionale importanza, mi aspettavo di più da questo libro. Non mi ha conquistata seppur riesco a notare il merito di quest'opera.


Titolo: La stanza rossa
Autore: 
August Strindberg
Editore: BUR
Pagine: 400
Prezzo: 9,90 €
Data di uscita: 1986
voto: 
Trama: Nella Svezia di oltre 120 anni fa il protagonista fatica a trovare successo nella sua attività di scrittore e giornalista perché circondato da raccomandazioni, corruzione, favoritismi politici. Se non fosse August Strindberg e non fosse la Svezia di fine '800, potremmo pensare ad un romanzo attuale di casa nostra. La solita cattiveria dell'autore e il suo essere contro tutto e contro tutti ci accompagna pagina per pagina. Immenso.

 RECENSIONE: Avevo aspettative alte verso la sala rossa, ma ammetto di essere rimasta un po' delusa. Il libro mi è piaciuto, ma non quanto speravo. Per chi desidera conoscere meglio le opere di Strindberg, il suo pensiero e avere una buona cultura sulla letteratura nordica, deve assolutamente leggerlo.

La Sala Rossa non è un romanzo unitario e lineare, al contrario è frammentato, prosegue in maniera incoerente, occasionale e frammentata. Ogni capitolo è un episodio singolo che si unisce agli altri unicamente perché riguarda i personaggi principali o l'ambiente che li circonda. Ciò che muove le redini è una sorta di casualità volta a mostrare la società dell'epoca e gli ideali a cui l'autore è molto legato. Arvid Falk e i suoi amici artisti e intellettuali, si ritrovano nella Sala Rossa (luogo che esiste veramente) per parlare. I protagonisti sono poveri e pieni di grandi idee, il loro spirito inquieto e creativo li porta a dichiarare "guerra" alla società. Inserito interamente all'interno del contesto storico in cui vive Strinberg (nel 1866/1867 vennero aboliti i 4 stati), l'autore ha così modo di dare sfogo alla sua rabbia e frustrazione di marginato in quanto intellettuale, che ha perso fiducia in uno stato che ha annullato le certezze e portato confusione. Pur essendo lontano nel tempo e nello spazio, possiamo ritrovare temi fin troppo attuali che Strindberg riesce a mostrare con freddo distacco e allo stesso tempo attraverso una non troppo velata satira spietata verso una società ipocrita, spendacciona e venduta. I protagonisti vogliono lottare contro questa società e rimanere fedeli ai loro ideali senza cadere nel gioco meschino della borghesia. Il fallimento per ognuno diverso e la loro scarsa coerenza psicologica, mostra quanto la società possa danneggiare l'individuo che si trova impossibilitato a salvarsi. O si piega ad essa o soccombe. Ogni personaggio e ogni vicenda mostra i vari aspetti di un mondo corrotto e ne mostra le caricature. Una ad una tutte le istituzioni ufficiali vengono attaccate duramente, così come le arti e la letteratura che dovrebbero elevare l'uomo e invece sono costrette anche esse alla volontà della borghesia. Il femminismo e le utopie operaie, la beneficenza, sono tutte idee ipocrite, nascoste dietro un falso perbenismo. Gli ideali si rivelano illusioni inattuabili mostrando tutto il pessimismo di Stribdberg che porta ad una disperazione e frustrazione totale. Si tratta di un testo con molti punti di vista, lunatico, particolare. Una nuova sperimentazione letteraria che porta il lettore ad un'alienazione disillusa.
I protagonisti si trasformano completamente e uno dopo l'altro avranno un finale diverso e sconvolgente che daranno molto da pensare. In particolare ho apprezzato l'eroe tragico di Olle Montanus, forse il martire della lotta per gli ideali.

COSIGLI DI LETTURA DEL PORTALE:
PER CHI: ha voglia di una lettura sociale
COLORE: rosso
CLIMA E AMBIENTE: in una stanza dentro un locale

Voi lo avete letto? Che ne pensate?

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti portano la magia sul blog.

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...