18 aprile 2012

# luoghi misteriosi # Once Upon a Witch

Once Upon a Witch - Isola Santa


Bentrovati ad una nuova puntata di Once Upon a Witch. Oggi vi mostrerò un altro luogo in cui mi sono recata durante i miei viaggi e che ho trovato meraviglioso. Lasciate che vi narri di un luogo senza tempo immerso nel cuore della Garfagnana: l'antico borgo Isola Santa.

foto presa dal web

Questo piccolissimo borgo è stato disabitato per molti anni e solo da poco tempo alcuni abitanti hanno deciso di tornare a viverci nella speranza di riuscire a farla tornare agli antichi splendori.

Sotto l'unica strada che attraversa la zona, si trova un piccolo lago su cui si affaccia l'Isola Santa. Nel medioevo era un luogo di riposo e di transito per i viandanti che viaggiavano tra la Garfagnana e la Versilia.
Questo minuscolo paesino antico, immerso tra le alte e ripide montagne delle Apuane e circondato da castagni, è comunque ben conservato, nonostante lo stato di abbandono e le molte costruzioni in rovina senza nemmeno il tetto. Ma il fascino che lo circonda è ancora vivo.
Appena scendi per il sentiero e raggiungi le prime case, ti senti subito trasportato in un'altra epoca. L'aria che si respira è pregna di magia, come se il tempo lì si fosse fermato per sempre e l'anima del luogo regna incontrastata.
Il posto è davvero bellissimo e le foto non rendono giustizia. Me ne sono subito innamorata e spero di tornarci presto.
Il luogo è pieno di gatti che ti osservano attentamente al tuo passaggio, come vecchie streghe camuffate. Ma alla fine si rivelano molto ospitali, alcuni ti salutano, giocano con te e altri ti fanno da guida portandoti con attenzione lungo le varie rovine.
Quel luogo mi ha quasi fatta sentire a casa. Io consiglio davvero di visitarlo. Non c'è molto da vedere, ma quel piccolo borgo per me vale assolutamente la pena!
Purtroppo dalle foto non rende... Ma dal vivo è molto bello e suggestivo! Inoltre queste foto sono state fatte d'inverno, quindi è tutto spoglio e molto più cupo rispetto all'estate.





La via stregata

il gatto che osserva... Riuscite a vederlo?



Uno dei gatti del posto XD

Ultimo consiglio: se passate da quelle parti dovete assolutamente fermarvi a mangiare a "La Ceragetta". Si mangia benissimo, moltissimo e i prezzi sono ottimi! Senza contare che i padroni sono davvero molto ospitali e personalmente devo ringraziarli per aver reso il nostro soggiorno meraviglioso!

11 commenti:

  1. Davvero incantevole,sembra un posto fuori dal tempo!
    Grazie per la condivisione!

    RispondiElimina
  2. Wow..!
    Dalle foto sembra sì un luogo senza tempo, stregato sicuramente, ma anche un po' inquietante! Cose che, tra l'altro stuzzicano la curiosità.
    E poi anche il fatto dei gatti.. magari, come dici tu, sono delle strege sotto mentite spoglie xD
    Tra l'altro il primo gatto che compare nelle foto sembra più un camaleonte, si confonde con le pietre, dello stesso colore! O_O

    Ho solo una domanda da fare.. Come mai che all'epoca era stato abbandonato? Qualche motivo speciale che tu sappia?

    RispondiElimina
  3. @Sara grazie a te per essere passata! ^^

    @Yvaine già XDXDXD Quel gatto riusciva a mimetizzarsi ovunque! Era inquietante... XD Fermo... ti guardava, poi si avvicinava e poi ti osservava di nuovo a distanza... Penso che potrebbe essere davvero la reincarnazione di una strega :P
    Purtroppo no, non c'è nessuna leggenda interessante sul posto... Fu abbandonato a causa di una compagnia elettrica che decise di sfruttare l'energia del lago, causando problemi di stabilità per il luogo e i danni fatti sono purtroppo irrimediabili. Una volta costruite case migliori da un'altra parte, il borgo venne definitivamente abbandonato.

    RispondiElimina
  4. che bello!
    un pò lontano ma non si sa mai!

    RispondiElimina
  5. Aaah, ora si capisce tutto.. Mi ricorda un po' la storia del Vajont..
    Grazie per avermi fatto conoscere questo luogo e per avermi spiegato quanto ti avevo chiesto ^^

    Ciao, buona serata! ^^

    RispondiElimina
  6. Di niente! ^^ Sei sempre la benvenuta :D

    RispondiElimina
  7. Ciao Reina! Che bel racconto...grazie per averci fatto conoscere un posto così affascinante!
    Magari quei gatti sono gli spiriti custodi del luogo :-)

    RispondiElimina
  8. @Clody grazie a te per essere passata a leggere! ^^ Eh sì, penso che quelli siano davvero i gatti custodi del posto :)

    RispondiElimina
  9. Già ^^ Grazie per essere passata Mary :D

    RispondiElimina
  10. Camminando in quelle strade anguste, l'aria sembra cambiare.
    Non è solo una scontatezza.
    L'aria è diversa... a tratti mistica e a tratti persino inquietante...
    E' una strana sensazione, camminare su pietre antiche di secoli dove si sono avvicendate le vite di così tanti uomini e donne. La mente si distacca e con piacere si sciolgono anche le catene della quotidianietà. E' facile immaginarsi il suono di stivali ferrati di cotta di maglia, o il cigolio di un carro trainato da buoi o da un vecchio mulo.
    L'aria sembra immota, è come immergere il volto nell'acqua pura di una fonte e scoprire che dall'altra parte si puù respirare e il tempo scorre in maniera diversa.
    Questi luoghi sono fatti per durare... per perdurare... si meritano di non crollare nell'oblio.
    E' un posto magico che evoca notti in cui luci di fuochi e candele danzano sulle rive del lago. Al ritmo di gironde e tamburi, su passi pagani... nella notte del lago.

    RispondiElimina

Grazie per aver letto questo articolo. Sapere la tua opinione mi aiuta a migliorare.