Giveaway del Portale Segreto

AVVISO: il blog al momento è in fase di rinnovo totale, quindi subirà dei rallentamenti!

Citazioni del giorno:

mercoledì 4 febbraio 2015

Recensione "Il clan della lupa" di Maite Carranza

Finalmente riesco a postare la recensione del primo libro di una saga che ho adorato! Ho aspettato tanto tempo per leggerla e alla fine del 2014 mi sono buttata a capofitto tra queste pagine che mi hanno trasportato in una storia magica e piena di avventura.

Titolo: Il clan della lupa
Autore:
Maite Carranza
Editore: Tea
Pagine: 316
Prezzo: 8,90 €
Data di uscita: 2009

voto:
Trama: Anaïd Tsinoulis ha quattordici anni, ma è minuta ed esile e ne dimostra appena dieci. In più la piccola è oscurata da sua madre Selene, una donna bellissima e sensuale, che attira su di sé tutti gli sguardi e le attenzioni. Ma improvvisamente Selene scompare e Anaïd si ritrova sola, affidata alla zia Criselda, la sorella della nonna materna. Una strana convivenza, perché la zia, assieme alle amiche della madre, parla di cose sinistre e oscure, di profezie e tradimento, e in una notte indimenticabile rivela ad Anaïd un'inquietante verità: la piccola è una strega, come tutte loro, e discende da una stirpe perennemente in guerra con un altro clan. Sua madre sarebbe stata colei che, secondo un'antica profezia, avrebbe deciso le sorti dello scontro. Turbata dalla rivelazione e impressionata dai nuovi poteri, Anaïd comincia un difficile viaggio dentro se stessa e dentro la magia più oscura, nel tentativo di strappare sua madre alle forze del male e a compiere la propria iniziazione di strega...


 RECENSIONE:

"E un giorno giungerà l'eletta, discendente di Om.
Avrà fuoco nei capelli,
ali e squame sulla pelle,
un ululato in gola
e la morte negli occhi.
Cavalcherà il sole
e brandirà la luna".

Con questa profezia comincia la storia di Anaid, una ragazzina di quattordici anni, talmente mingherlina da dimostrarne dieci, figlia di Selene, donna bellissima e carismatica, al contrario della figlia, tanto intelligente al punto da inimicarsi persino i professori, ma bruttina e quindi esclusa dalla vita sociale dei suoi compagni di classe. Per questo Anaid, nonostante il suo carattere forte e determinato, è colta da molte insicurezze e queste aumentano una mattina in cui sua madre Selene scompare misteriosamente senza lasciare tracce. Scopre così che sua madre è una strega del clan della Lupa e non solo, ma è l’Eletta di cui parla un’antica profezia e proprio lei ha il potere di fermare una volta per tutte la guerra tra le due stirpi di streghe Omar e Odish che dura dall’inizio dei tempi. Così viene affidata alle cure di una vecchia zia streghe e le viene spiegato che la morte di sua nonna Demetra poco tempo prima è opera delle malvagie Odish e che Selene è stata rapita da loro. Ma perché Anaid non era a conoscenza della vera natura magica di sua madre? E perché non è mai stata iniziata ai poteri che sembrano misteriosamente aver cominciato a manifestarsi solo dopo la scomparsa della made? Cosa si nasconde dietro tutti questi misteri? E quali sono le vere intenzioni di Selene? È stata realmente rapita o ha tradito il suo clan? Anaid è l’unica che può scoprirlo. Riuscirà a salvare sua madre?
Il clan della lupa è un libro speciale, mi aspettava lì da anni, con la promessa di una bella avventura. Come per i libri a cui tengo volevo aspettare il momento giusto e quindi dopo aver collezionato tutti e tre i libri della saga sono rimasta in attesa fiduciosa. Finché alla fine ho deciso di lasciar perdere il momento giusto e buttarmi in questa lettura. Sin da subito mi ha trascinata in un mondo pieno di emozioni, in cui il reale e il fantastico hanno confini sottili perché tutto ciò che vi è narrato prende spunto dalla vera stregoneria, per cui chi si interessa di questo argomento potrà ritrovarsi in quelle pagine. L’autrice è un’antropologa e si nota subito per l’accuratezza con cui ha creato l’universo delle Omar e delle Odish e le tradizioni di stregoneria dei clan. Si tratta di un fantasy, ma è un fantasy molto realistico e vivo, dove la fantasia è relegata a piccoli dettagli. È quasi un romanzo di formazione perché Anaid prende coscienza di sé stessa e il viaggio per il ritrovamento di sua madre diventa un percorso di crescita personale. Dai Pirenei alla Sicilia, facciamo un lungo percorso tra i problemi di una semplice ragazza e le avventure di un antico clan di streghe con i loro insegnamenti e i loro misteri. Seguiamo Anaid nella scoperta di sé stessa e riusciamo ad affezionarci a tutti i personaggi, persino i personaggi secondari sono ben caratterizzati con poche semplici parole nel bene o nel male. Maite Carranza ci guida in una magica storia grazie ad uno stile coinvolgente e scorrevole, che ti cattura e mostra senza bisogno di tante parole. È una storia diversa dalle solite, nonostante elementi classici, rimane comunque originale, sebbene avessi già intuito molte cose sin dall’inizio. Eppure non mi ha deluso, anzi. Alcune questioni mi hanno lasciata comunque sorpresa e con una terribile voglia di proseguire la lettura degli altri libri. Il clan della lupa è il primo di una saga, ma ha anche una sua conclusione sebbene parziale. Ma una volta finito sarete sicuramente ansiosi di saperne di più, perché le risposte portano nuove domande a cui dobbiamo trovare una risposta. Trovo che questo libro sia magico e misterioso, reale e fantastico e ha risvegliato in me emozioni antiche. Nonostante sia ambientato nell’epoca moderna, è comunque una storia con richiami ancestrali grazie alle antiche tradizioni di stregoneria. Sono davvero felice di averlo letto e non vedo l’ora di proseguire questa avventura insieme ai protagonisti della vicenda per conoscere finalmente i misteri del passato e scoprire cosa riserva il futuro.

COSIGLI DI LETTURA DEL PORTALE:
PER CHI: ha voglia di una storia magica e avventurosa di streghe
COLORE: rosso rame
CLIMA E AMBIENTE: un pomeriggio in montagna

Voi lo avete letto? Che ne pensate?

6 commenti:

  1. Ciao Reina :)
    Ho sempre voluto leggere questo libro, è nella mia wishlist da un bel po' a dire il vero e la tua recensione è stata davvero utile. :)
    Grazie, a presto x

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di niente! Sono felice che ti sia stata utile ^^ Presto posterò le altre due :D Fammi sapere quando lo leggerai :)

      Elimina
  2. Felice che ti sia piaciuto ♥

    RispondiElimina
  3. Sono ansiosa di leggerlo anche io, fin da quando ne parlò Rowan nel suo blog! *_* Ho per ora solo il primo volume, ma mi sa che prima mi procuro anche gli altri per leggerli uno dopo l'altro!! ^^
    Non so se hai letto i libri di Celia Reese ( Io sono una strega e Il viaggio della strega bambina ), ma penso che per certi versi siano delle letture simili...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Appena li leggi fammi sapere :D
      Di Celia Reese ho letto il viaggio della strega bambina e mi era piaciuto davvero molto! Sono libri molto diversi in realtà perché questo è moderno mentra il diario è ambientato in un'altra epoca. Però spero di leggere presto il secondo!

      Elimina

I commenti portano la magia sul blog.

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...