Giveaway del Portale Segreto

AVVISO: il blog al momento è in fase di rinnovo totale, quindi subirà dei rallentamenti!

Citazioni del giorno:

giovedì 9 giugno 2011

Novità e libri interessanti Garzanti

FINO AL 1° LUGLIO, TUTTI GLI ELEFANTI AL -25%

La collana economica di Garzanti Elefanti: più di 600 titoli di narrativa, thriller, saggi, storia, poesia, tra cui tanti recentissimi successi come L´istinto del sangue di Jean-Christophe Grangé, La scuola degli ingredienti segreti di Erica Bauermeister, La modista di Andrea Vitali e grandi classici del 900 come La cognizione del dolore di Carlo Emilio Gadda e le Poesie di Pier Paolo Pasolini.
Affrettati! Quest´anno con 3 Elefanti oltre al -25% di sconto c´è in regalo l´elegante e pratico taccuino con l´elefantino a tiratura limitata, dal valore commerciale di circa 14 euro!
Scarica il catalogo della Promozione Elefanti con l´elenco di tutte le librerie (pdf 4,4 Mb)

__________________________________

TITOLO: L'inverno si era sbagliato
AUTORE: Young Louisa
TRADUTTORE: Roberta Scarabelli
EDITORE: Garzanti
COLLANA: Narratori Moderni
PAGINE: 352
PREZZO: € 18.60
USCITA: Maggio 2011

Tre donne coraggiose e determinate.
Perché il buio non spegne ogni cuore.
Perché la guerra non uccide la speranza. 


«Una scrittura perfetta, d'altri tempi, una storia che afferra l'anima.»
«Library Journal»

«Un romanzo potente sull'amore e sulla guerra.»
«The Times»

«Una storia epica, una cronaca feroce della guerra, una scrittura illuminata e piena di grazia, in cui solo la forza e l'amore alla fine trionferanno sulla disperazione.»
«Kirkus Reviews»

TRAMA: Inghilterra, 1915. Come ogni mattina, Julia compie i rituali dell'attesa: lucida la casa alla perfezione, indossa l'abito più elegante che possiede e si acconcia i capelli, accorda il violoncello e poi si siede alla finestra. E aspetta.
Aspetta che la promessa venga mantenuta, che suo marito Peter torni dal fronte.
Anche Nadine aspetta, ripensando come ogni giorno a quell'amore tenero e spensierato sbocciato a Londra, sotto la neve d'inverno.
Quello che nutre per Riley è un amore impossibile, contrastato aspramente dai genitori di Nadine. Ed è proprio per conquistarli che Riley è partito per il fronte, per quella guerra lampo che, dicevano tutti, sarebbe durata soltanto un inverno.
Ma l'inverno si era sbagliato.
Rose non ha tempo di aspettare.
Infermiera in prima linea nel conflitto, ha visto troppi uomini feriti nel corpo quanto nell'anima aspettare soltanto una cosa, la morte.
E c'è un filo sottile, fragile e capriccioso, fatto di messaggi dalla trincea, che Rose ha visto troppe volte spezzarsi.
Julia, Nadine e Rose sanno che quella maledetta guerra è una lunga attesa, ma unite dalla medesima determinazione e dall'imprevedibilità del destino scopriranno che quest'attesa può essere interrotta solo in un modo: con il coraggio dei loro cuori.

Un romanzo unico e potente. Acclamato e venduto in tutto il mondo, è già un fenomeno editoriale in Inghilterra, dove sta scalando le classifiche e riempiendo le pagine dei giornali. L'inverno si era sbagliato racconta una storia di coraggio e di resistenza, di perdita e di amore disperato, che esplora la determinazione e la forza di tre donne unite da un destino inesorabile.

IL CASO EDITORIALE DI UN ROMANZO CHE INCANTATO GLI EDITORI DI TUTTO IL MONDO:

Settembre, inizia la Fiera del libro di Francoforte.
Tra gli stand non si parla d'altro che del libro che sta incantando tutti gli editori del mondo: si tratta di L'inverno si era sbagliato di Louisa Young.
Ultimi giorni della Fiera Garzanti riesce ad acquistare i diritti di pubblicazione.
Contemporaneamente tutti i giornali italiani iniziano a parlare del romanzo, definendolo il libro più importante della stagione letteraria.

Novembre Il romanzo viene venduto in tutto il mondo.
La casa editrice Harper Collins, che ha acquisito i diritti dopo un'asta molto accesa, scrive in un comunicato stampa: «Il romanzo su cui puntiamo di più, magico e straordinario, originale come pochi».

Dicembre Nonostante non sia ancora uscito, molte testate internazionali si occupano già del romanzo.

Primavera 2011 L'inverno si era sbagliato esce in Inghilterra: il successo è immediato. Tutti ne parlano, il romanzo inizia a scalare le classifiche.

Maggio 2011 L'inverno si era sbagliato esce in Italia.

___________________________

TITOLO: La leggenda del morto contento
AUTORE: Vitali Andrea
EDITORE: Garzanti
COLLANA: Narratori Moderni
PAGINE: 240
PREZZO: € 18.60

«Tra tutti coloro che gli affidavano la cura delle loro barche, se c'era uno che il Baldi non avrebbe mai e poi mai voluto vedere lì ai suoi piedi, lungo tirato sul porfido della piazza dopo esser morto per annegamento, quello era proprio il giovane Gorgia.
La ragione era presto detta. In paese, e non solo, poco si muoveva se il Gorgia padre non voleva.
I Gorgia, gente che se ne andava in giro con la sacca dei diritti davanti e quella dei doveri a penzoloni, dietro, sulla schiena.
La vedeva brutta, in quel momento, e avrebbe cambiato volentieri il suo posto con chiunque, perfino col sacrista che aveva la faccia scavata dal vaiolo.»

TRAMA: È il 25 luglio 1843, una mattina d'estate senza una nube e una luce che ammazza tutti i colori. Due giovani in cerca d'avventura salpano su una barchetta con tre vele latine. Dal molo di Bellano, li segue lo sguardo preoccupato del sarto Lepido: non è giornata, sta per alzarsi il vento. L'imbarcazione è presto al largo, in un attimo lo scafo si rovescia.
Un'imprudenza. Una disgrazia.
Ma la tragedia crea un problema.
A riva viene riportato il corpo dell'irrequieto Francesco, figlio di Giangenesio Gorgia, ricco e potente mercante del paese. Il disperso è Emilio Spanzen, figlio di un ingegnere che sta progettando la ferrovia che congiungerà Milano alla Valtellina. Due famiglie importanti. Bisogna a tutti i costi trovare un colpevole.
Per la prima volta, Andrea Vitali risale il corso del tempo, verso l'Ottocento, per raccontare un altro squarcio della sua Bellano.
Ritroviamo così l'eco della dominazione austriaca, con i notabili e i poveracci, gli scapestrati e le bisbetiche, le autorità e gli ubriaconi…

Tra lacrime e sorrisi, La leggenda del morto contento racconta una storia di padri e di figli, di colpevoli e di innocenti, di giustizia e di malagiustizia: ottocentesca, ma solo in apparenza.
Condividi

Altri libri di Vitali Andrea:
Una finestra vistalago
La signorina Tecla Manzi
Un amore di zitella
La figlia del podestà
Il procuratore
Olive comprese
Il segreto di Ortelia
La modista
Dopo lunga e penosa malattia
Almeno il cappello
Pianoforte vendesi
La mamma del sole
Furto di luna
Almeno il cappello
Il meccanico Landru
La modista
_________________

TITOLO: Il suono del respiro e della preghiera
AUTORE: Anam Tahmima
TRADUTTORE: Alba Mantovani
EDITORE: Garzanti
COLLANA: Narratori Moderni
PAGINE: 312
PREZZO: € 17.60

«Una forza narrativa senza pari.»
«The Independent»

«Il suono del respiro e della preghiera è un romanzo sugli idealismi; oltre alla religione e all'ateismo esplora la guerra, le sue conseguenze e la posizione vulnerabile delle donne e dei bambini. Un libro che racconta magistralmente la fede, le egemonie culturali, i conflitti e le rivalità familiari e l'amore.»
«The Times Literary Supplement»

«La scrittura di Tahmima Anam è piena di poesia e illumina l'anima.»
«Elle»

TRAMA: Bangladesh, 1984. Maya preme il viso contro il finestrino del vecchio treno sbuffante.
Il binario della stazione di Dacca è invaso dalle urla dei ragazzini che vendono bibite fresche. Sono passati molti anni dalla fine della guerra d'indipendenza dal Pakistan. Anni in cui Maya ha lottato per la sua terra, salvando centinaia di vite in un piccolo ospedale di campagna.
Adesso il paese è dominato da una dittatura e la parola d'ordine è dimenticare: tutti fingono che niente sia successo e che il sangue di migliaia di vittime innocenti non abbia impregnato la polvere delle strade. Eppure Maya non riesce a togliersi dalla mente l'odore della rabbia e dei libri incendiati.
Ma ora che sua cognata è morta, è venuto il momento di tornare nella casa della sua infanzia.
Quello è il suo posto, anche se ormai tutto è diverso.
Sohail, suo fratello, è un estraneo per lei. Ha bruciato tutti i suoi libri tranne il Corano, è diventato un fanatico religioso e ha iniziato a predicare, seguito da folle di credenti che lo venerano come un un musulmano esemplare. Ma dietro le sbarre della prigione spirituale che suo fratello ha costruito nella loro casa, Maya vede risplendere due enormi e tristi occhi grigi. Sono quelli del piccolo Zaid, il figlio di Sohail, che cresce abbandonato a sé stesso, privo di cure, amore e di qualsiasi di tipo di educazione, proibiti dal fanatismo religioso del padre. Per salvarlo, Maya deve trovare la forza di ribellarsi e tornare a lottare per una libertà che adesso sembra solo un ricordo troppo lontano.

Dopo l'enorme successo di critica e pubblico riscosso con I giorni dell'amore e della guerra, per mesi nelle classifiche di tutto il mondo, Tahmima Anam si riconferma come una delle grandi voci della letteratura contemporanea.
Il suono del respiro e della preghiera è un romanzo epico e indimenticabile che racconta una storia di coraggio e resistenza esplorando le radici più ambigue e profonde del fondamentalismo islamico.
Condividi

Altri libri di Anam Tahmima:

I giorni dell'amore e della guerra
I giorni dell'amore e della guerra

______________________

TITOLO: La mia stirpe
AUTORE: Camon Ferdinando
EDITORE: Garzanti
COLLANA: Narratori Moderni
PAGINE: 160
PREZZO: € 14.60
USCITA:

«Lavorare in campagna. Lavorare la terra è un lavoro sano, ed è scritto nel Vangelo. Se uno ha un campo, può segnarlo con un puntino sul mappamondo.
Ma se uno ha una cattedra all'università, cosa segna? Una guerra distrugge le città, ma non distrugge la terra. Non sei pentito di quel che fanno i tuoi figli?», «Sono contento, perché fanno quel che vogliono», «Non ti riconosco più! Non sei mio figlio! Non voglio avere un figlio così!».
In quel disconoscimento sentivo una condanna biblica, come se mi mandasse ramingo sulla Terra.


TRAMA: La mia stirpe è il racconto dell'immortalità attraverso la specie: il protagonista sente che, quando non ci sarà più, la nipotina che ora tiene in braccio lo farà rinascere, ma sente anche di essere stato presente, prima di nascere, nell'amore tra il ragazzo e la ragazza che saranno i suoi genitori.
È l'amore del primo Novecento, quando la ragazza temeva di restare incinta per il bacio di un uomo.
Ereditando le vite dei padri, il figlio eredita il dovere di realizzarne le missioni incompiute: vendicarsi per quel che han patito nella prima e nella seconda guerra, qui rievocate per squarci fulminei e potenti, e arrivare a un contatto con la più alta istituzione della Terra, custode e garante della verità in cui credono.
È la loro «gita al faro», l'impresa che dà un senso all'esistenza. Il padre e suo padre non ci sono riusciti. Ora tocca al figlio.
L'incontro col successore di chi ha portato la verità sulla Terra avviene davanti al Giudizio Universale di Michelangelo e trova le parole umili e commosse delle grandi narrazioni mistiche.
Condividi

Altri libri di Camon Ferdinando:
Dal silenzio delle campagne
La Terra è di tutti
Il Super-Baby
La donna dei fili
Un altare per la madre
Mai visti sole e luna
Il canto delle balene
La vita eterna
Occidente
La cavallina, la ragazza e il diavolo
Tenebre su tenebre
Figli perduti

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti portano la magia sul blog.

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...